Secondaria di primo grado Dante Alighieri di Carate (MB) - Classe 3A

Una pietra d’inciampo per non dimenticare

È stata posata in memoria del caratese Augusto Cesana, personaggio di spicco dell’antifascismo brianteo di ispirazione cattolica

Una pietra d’inciampo per tenere viva la Memoria. Il 27 Gennaio ha rappresentato quest’anno un momento di riflessione particolare anche per gli alunni della secondaria di primo grado “Dante Alighieri” di Carate. Non solo le testimonianze preziose dei sopravvissuti, a cominciare dalla lettura in classe di «Se questo è un uomo» di Primo Levi, autore torinese deportato ad Auschwitz.

Ma anche la partecipazione alla posa della pietra d’inciampo del concittadino Augusto Cesana. Un segno concreto per rinnovare la Memoria e fare sì che tutti possano prenderne consapevolezza. L’idea di creare un mosaico di pietre d’inciampo nelle città europee è nata dall’artista tedesco, Gunter Demnig, che da alcuni anni gira per l’Europa incastonando pietre nel selciato stradale davanti a luoghi significativi della vita di coloro che sono stati deportati nei la-ger nazisti. Su ciascuna pietra viene riportato il nome, la data di nascita e di morte nel lager; quello stesso nome che gli aguzziniavevanocondannatoall’oblìo. In tutta Europa sono state posate fino ad oggi più di 75.000pietre.Dalgennaio2019 questa usanza ha preso avvio anche in Brianza con il coin-volgimento di tutti i Comuni, le scuole e la cittadinanza. Quest’anno l’associazione brianzola delle Pietre d’inciampo ha deciso di ricordare gli oppositori ai regimi finiti nei campi di concentramento e brutalmente assassinati: così sono stati posati i primi 75 cubetti con il nome dei deportati brianzoli per fini politi-ci (in totale sono 252). A Carate giovedì 27 gennaio la cerimonia della posa della pietra d’inciampo si è tenuta per ricordare Augusto Cesana. Erano presenti alcuni parenti, tra cui la figlia Maria, le autorità religiose, civili e militari con una rappresentanza degli studenti delle classi terze della scuola “Dante Alighieri”.“Un gesto simbolico, per onorare una figura esemplare che si è impegnata a tutelare libertà e democrazia, a costo di perdere la propria vita” ha ricordato il vicesindaco Giovanni Fumagalli nel corso della cerimonia. Cesana, nato il 2 luglio 1897, è stato unpersonaggiodispiccodell’antifascismobrianteodiispirazione cristiana.

Dopo aver combattuto nella Grande Guerra, al termine degli anni Venti, difese la locale Cooperativa di Consumo e l’Azione Cattolica dai continui attacchi fascisti. L’8 settembre 1943 aderì alla sezione locale del Comitato di Liberazione Nazionale, ma il 30 dicembre 1944 alcuni fascisti bussarono alla sua porta, spacciandosi per partigiani, e lo arrestarono davanti a moglie e figli. Deportato nel campo di prigionia di Flossemburg, vi morì il 18 marzo 1945, alla vigilia della Liberazione. La speranza è che la pietra d’inciampo a lui dedicata e l’insegna che ricorda la sua storia permettano a tutti di conoscere e riflettere sulla storia di questo personaggio caratese: uomo semplice, contrario alle ingiustizie e difensore del bene comune.

Votazioni CHIUSE
Voti: 1009

Pagina in concorso